Rocce Monte Marcuccio

SPEDIZIONE ITALIA

SPEDIZIONE ESTERO

Nell’agro di Ceglie M.ca (BR) Italy, nell’attuale Monte Marcuccio, 1 milione di anni fa in un’epoca in cui l’intera zona era un fondale marino basso con 4,00/5,00 metri di acqua, è caduto un meteorite del diametro di circa 200 metri, il cui impatto con una simultanea violenta esplosione scavò un cratere del diametro di circa 1,00 chilometro, profondo circa 70,00 metri. La parete sud – ovest di questo cratere costituisce oggi il Monte Marcuccio. Nel violento impatto c’è stata una esplosione e i minerali del meteorite si sono fusi con le rocce del fondale marino, creando una struttura cristallina, con atomi del meteorite frammisti alla massa cristallina del materiale roccioso marino. Concretamente le rocce emettono frequenze e informazioni elettromagnetiche terrestri e cosmiche con effetti benefici su ogni forma di vita compresa quella di tutti gli Esseri Umani. La scoperta dell’effetto terapeutico di queste rocce, è avvenuta nel 2007 per mezzo della Dottoressa Maria Grazia Greco, medico base della ASL Brindisi, esperta nella cura cristallo terapeutica. Mentre la dettagliata dinamica del modo in cui il meteorite colpì il fondale marino fu illustrato per la prima volta da una esperta sulla visione remota residente in zona. Negli ultimi 15 anni centinaia di medici, fisici e biofisici , architetti esperti in bio architettura, terapeuti esperti in cristalloterapia, dell’intero pianeta hanno accertato l’aspetto terapeutico di queste rocce e la dinamica della caduta del meteorite. Nel 2008 la Dottoressa americana Dorothy Wallis e il canadese Dottor Ron Laplace in occasione di un work shop sulla meditazione Merkaba organizzata dal Sottoscritto Dottor Giuseppe Spina, hanno confermato quanto brevemente illustrato. Nel dicembre 2011 nel primo convegno internazionale sulle Energie Rinnovabili, Acqua Dolce e Agricoltura Quantica, organizzato dal Dr Giuseppe Spina al Regent Resort Riva Marina di Carovigno (BR), con la partecipazione anche Biofisico Russo Kostantin Korotkov e del Biofisico Dan Winter, della Prof.ssa Daniela Poggiolini, del terapeuta Francesco Colasante, Anna Federighi & Gabriella Nesti; le rocce terapeutiche del Monte Marcuccio furono uno degli argomenti del convegno. Recentemente queste rocce sono state testate dal Dottor Antonio Librale di Milano, docente universitario ed esperto in nuove metodologie con l’uso terapeutico di FREQUENZE ARMONICHE; la Dottoressa Renza Bellini medico quantistico e la Dottoressa Lucia Pappalettera ed altri. Nel gennaio del 2022, la Dottoressa Lucia Pappalettera ha effettuato dei rilievi energetici in tutto il cratere di impatto del meteorite, e le varie rocce hanno misurato valori energetici compresi fra 130.000 – 180.000 Bovis. La velocità con cui queste rocce interagiscono con la vita è stata testata con l’uso di apparecchiature elettroniche dalla Professoressa Antonella Cavallo, esperta nella comunicazione delle piante attraverso la musica. In un test nel settembre 2018, in Ceglie Messapica in via Cicerone, nei pressi della Caserma dei Carabinieri, su un terrazzo attraversato da una fitta rete di fili elettrici; in tutte le piante testate a causa dell’inquinamento elettromagnetico, la linfa delle piante non circolava bene; e bastava mettere sul vaso un sasso della cava Monte Marcuccio, una piramide, un tetraedro stella o qualsiasi altro oggetto in pietra terapeutica che la linfa in massimo 60 secondi riprendeva la sua regolare circolazione e le piante mostravano vistosi segni di benessere ed emettevano note alte. Il meccanismo di azione di queste rocce su tutti gli esseri viventi ed Umani è il seguente: sul pianeta esisto ben 24 siti o portali energetici con rocce che trasmettono frequenze quantiche particolari. Questi siti sono denominati capsule del tempo e sono state in un certo senso create dai Pleiadiani e altre Famiglie Stellari evolute, quale aiuto all’Umanità qualora avesse raggiunto lo stadio di evoluzione della coscienza attuale. Le informazioni quantiche delle rocce permettono agli Esseri Umani e alla vita presente sul pianeta di evolversi risvegliando talenti dormienti. Il DNA Umano ha 12 strati di cui solo uno, la parte biochimica visibile e gli altri invisibili. Su come funzionano questi strati sono stati scritti diversi libri e ci sono diversi video fra cui quelli dell’Ingegnere Irlandese Lee Carroll che canalizza Kryon. Si consiglia di leggere – Kryon 12 Strati del DNA. Le rocce se di piccolo diametro, sono delle ricetrasmittenti che inviano informazioni al DNA degli Esseri Viventi ubicati nel loro raggio d’azione. Nel loro complesso, ossia tutto il sito, costituisce il vero segreto o portale energetico della valle d’Itria e negli Esseri Umani, trasmettendo informazioni al DNA multidimensionale ossia alle 11 doppie eliche invisibili e al 24° cromosoma, permettono una migliore funzione fisiologica dell’intero organismo, e potenziano anche la rigenerazione degli organi. Gli effetti sono diversi e dipendono essenzialmente dalla evoluzione individuale e dalla capacità di accettare cambiamenti nella propria vita. In tutti i contesti queste rocce hanno anche l’effetto di azzerare l’inquinamento elettromagnetico generato da cellulari, computer, televisori e elettrodomestici. Descrivendo nel dettaglio questo meccanismo di azione, bisogna comprendere che negli ambienti umani, ossia uffici, abitazioni e luoghi di lavoro più disparati; le emissioni di onde elettromagnetiche disarmoniche prodotte dal funzionamento dei vari elettrodomestici e mezzi di comunicazione non svaniscono nel nulla. Quindi le frequenze di queste rocce, trasmettono agli strati invisibili del DNA, delle informazioni quantiche e attivando parti dormienti, elevano l’efficienza fisiologica, vitale ed energetica del corpo, creando una vera e propria immunità ai 4G, 5G e altre tipologie di inquinamento magnetico. L’azione prodotta non è una schermatura o protezione, ma l’attivazione di una immunità naturale dormiente presente in ogni Essere Umano. Negli ultimi trenta anni sono stati osservati anche vistosi effetti benefici su una vasta serie di piante agricole e forestali, su oltre 50 milioni di api, su un centinaio di cani e oltre un centinaio di dipendenti cava Monte Marcuccio, nonché negli ultimi 15 anni su decine di migliaia di clienti internazionali.